QUESTO E’ TUTTO, GENTE!

Note iniziali:   clicca qui   (LEGGILE !)

 

E dopo aver fatto un “riepilogo delle puntate precedenti” nello scorso articolo (clicca su: FINE ANNO), adesso penso di smettere.

Come avevo scritto nel mio primo articolo (L’INIZIO), impegnandomi nella stesura di questo blog, ho voluto adempiere ad una “missione”;  qualcosa per essere ricordato anche dopo la morte.

Ovviamente mi auguro che sia, ancora, molto lontano  il momento in cui qualcuno si ritroverà a dover ricordare qualcosa di me.

 

Tuttavia ho provato a cimentarmi in questa “impresa” ugualmente.

Sicuramente un blog dovrebbe consentire di avere una vasta “platea”, anche se adesso (fine 2016) l’impiego di questo strumento potrebbe considerarsi surclassato dalla diffusione dei “social networks”.

Dovrebbero essere tutti strumenti eccezionali, ma purtroppo, blog, social ed internet in genere hanno anche dei gravi “effetti collaterali”.

Ti illudi di essere “connesso” con il mondo, di condividere tutto, ma in realtà sei solo, seduto davanti un monitor o, peggio ancora, ti ritrovi a “cazzeggiare” con uno smartphone, dimenticandoti di vivere realmente le tue relazioni.

 

In questa epoca dominata dai social networks, si potrebbe pensare che la gente si sia un tantino “rimbecillita”, se non fosse che tutto ciò è frutto di debolezze della natura umana, sfruttate dalla furbizia della stessa natura umana (ovviamente i deboli non sono le stesse persone dei furbi).

E’ possibile che, prima o poi, i “nodi” verranno al pettine. Potrebbe arrivare il tempo in cui la società si renderà realmente conto del problema. Ci renderemo conto di aver subito il danno arrecato dagli “spacciatori” delle meraviglie del web.

Ci renderemo conto che non basta prendere in giro chi perde tempo a “condividere”, su facebook o su whatsapp, la foto del “meraviglioso risotto” che sta mangiando al ristorante o che, squallidamente, cerca il “proprio amore” (o semplicemente qualcuno con cui scop…..) tramite internet.

Per adesso, continuiamo a subire il fascino della “connessione” in rete. Ma per aiutarci a riflettere, forse, può essere utile anche un po’ di satira.

Per questo, ti invito a guardare questo video in cui Maurizio Crozza, dice la sua:

 

Come avevo scritto nel mio primo articolo, continuo a pensare che sia decisamente “sfigato” condividere le proprie idee e le proprie esperienze tramite internet, in quanto sarebbe sempre molto meglio incontrarsi con gli amici a chiacchierare degli interessi comuni.

Io non sono certo un campione di convivialità, tutt’altro!!!

Oltretutto, mi ritrovo a vivere molto lontano da genitori, parenti e vecchi amici (sono un emigrato) ed, essendo un gran “timidone”, non  posso dire di riuscire a fare grande vita sociale.

E’, quindi, innegabile che aver deciso di scrivere su un blog sia anche servito a riempire un “vuoto”.

Ma non voglio continuare ad essere incoerente con le mie convinzioni.

 

Ho, quindi, deciso di interrompere la mia attività di “blogger”. Voglio smettere di sentirmi un po’ “webete”.

Lascio questo compito ai veri “esperti” e “saggi” della rete:

 

DIREI CHE SIAMO ROVINATI!!!

 

Io smetto di “condividere” in rete e spero di diventare più bravo a condividere nella vita.

Spero di riuscirci anche grazie alla pratica della Mindfulness.

 

Per questo, voglio concludere con un ultimo omaggio per i lettori del mio blog.

E’ un interessante capitolo di un libro che ho trovato in rete, che riassume in modo perfetto i concetti portanti della pratica della stessa Mindfulness – clicca su: IL RE NON È NUDO, MA NON È ‘PRESENTE’

E’ stato scritto da Morag Mcgill, una coach e consulente che si interessa di ciò che fa funzionare persone e team al loro meglio, favorendo lo sviluppo di competenze di leadership e di efficacia personale.

 

Ciao a tutti da Renato

 

Se lo ritieni opportuno fai conoscere questo blog ad altre persone. Ad esempio puoi copiare il link per il blog Hope ed inviarlo ad almeno tre tuoi amici, tramite una mail, oppure puoi presentare i miei articoli in qualche piattaforma “social” (tipo Facebook WhatsApp), tramite gli appositi “tasti” presenti in ogni articolo.

Precedente FINE ANNO

2 thoughts on “QUESTO E’ TUTTO, GENTE!

Lascia un commento