ORGANIZZA LA TUA VITA

(avviso per chi visualizza il mio blog tramite smartphone: se si attiva in automatico  un sottofondo musicale, ad un certo punto,  scorrendo la pagina di ogni articolo verso il basso per la sua lettura, è probabile che si sovrapponga il sottofondo musicale dell’articolo successivo. Ricorda che puoi disattivare ogni sottofondo musicale tramite il pulsante “play/pause” in alto a destra. Tale inconveniente è assente nella visualizzazione del blog tramite PC)

 

La scorsa volta ti ho parlato dell’individualismo, dei suoi pregi e dei suoi difetti. E’ stata una sorta di analisi sociale (magari troppo “semplicistica”) che potrà anche non essere condivisa da tutti, ma sulla quale spero tu possa aver riflettuto.

Oggi torno a parlare di cose più concrete: come gestire meglio il proprio tempo e svolgere le proprie attività efficientemente.

Per tentare di riuscire in ciò ho cercato di praticare diversi metodi di time management ed, alla fine, ho trovato quello che mi è sembrato il migliore. E’ il metodo proposto da Leo Babauta nel suo manuale Zen to Done, dove trovi 10 precisi consigli.

In precedenti articoli ti ho presentato la sintesi delle prime cinque abitudini suggerite da Leo Babauta nel suo manuale:

1) RACCOGLI

2) ELABORA

3) PIANIFICA

4) AGISCI

5) USA UN SISTEMA SEMPLICE

 

Oggi ti parlerò dell’abitudine numero sei descritta in Zen to Done.

ORGANIZZA  (nel senso di “mettere ordine”)

 

Per Babauta la parola d’ordine è “un posto per ogni cosa”.

Suddividi tutto ciò che ti interessa in archivi semplici e senza sovraccaricare.

Non lasciare la tua vita in disordine! Raccogli frequentemente (subito!) le cose importanti in modo ordinato. Puoi usare semplici contenitori di plastica trasparente che hanno il vantaggio di essere relativamente economici, sono capienti e fanno vedere il loro contenuto, facilitando poi la ricerca degli stessi oggetti raccolti dentro. E’ bene che questi contenitori siano etichettati per distinguere meglio il loro contenuto.

... dubbi della differenziata: la plastica | Raccolta differenziata

 

Per i tuoi documenti puoi usare anche degli appositi raccoglitori.

Scatole progetti, archivio e faldoni

La cosa importante da NON DIMENTICARE MAI è quella di tenere ogni cosa in un posto che sia logico e che riduca l’energia di cui hai bisogno per:
a) trovarlo e usarlo, e
b) rimetterlo a posto.

Non sovraccaricare i tuoi archivi di cose che non userai mai. Conserva qualcosa solo se sai bene quando e come la potrai usare. Un archivio non deve essere un “dimenticatoio”. Non mettere da parte una cosa con la dicitura “da decidere”; se non hai ben chiaro cosa farne è meglio buttarla! Usa un trucco infallibile per non accumulare cose inutili: quando riponi in un archivio un nuovo elemento, cerca di eliminarne due vecchi (questo può valere per gli abiti nel tuo armadio, per gli oggetti riposti in cantina, per i documenti nei tuoi cassetti, per i files archiviati nel tuo computer o per mille altre cose che ti ritrovi ad “accumulare”).

 

Il consiglio di organizzare i propri archivi può sembrare banale, ma quante persone dichiarano di avere armadi pieni di roba inutile o di non riuscire a ritrovare un oggetto che hanno riposto chissà dove. Io sono sempre stato un campione in questo errore. Per anni ho accumulato “cartaccia” che mi ripromettevo di esaminare in seguito. Tutta roba inutile!

Ora sto cercando di acquisire la buona abitudine di archiviare tutto nel modo corretto, eliminando le cose inutili. Non è facile.

Ogni volta che si vuol assimilare le abitudini raccomandate nel metodo Zen to Done è necessario che ognuna di esse sia praticata, inizialmente, almeno per un mese. Bisogna concentrarsi su una nuova abitudine alla volta e dare a questa la tua completa attenzione, finché diventerà automatica. Solo dopo potrai cominciare a praticare un’altra nuova abitudine.

Prossimamente condividerò con te la sintesi delle altre abitudini suggerite da Leo Babauta.

 

Se vuoi, lascia pure un commento (giù in basso c’è un apposito spazio) e se lo ritieni opportuno fai conoscere questo blog ad altre persone. Ad esempio puoi inviare il link per il blog Hope ad almeno tre tuoi amici, tramite un “copia ed incolla” in una mail. Sarà bello condividere le idee.

Ciao; alla prossima.

 

Considerato che, come tutti i blog, anche il mio è un “diario in rete”, i testi sono presenti sulla pagina web in ordine anticronologico (visualizzi prima i messaggi più recenti). Pertanto se vuoi sapere perchè esiste questo blog e conoscere la sua origine puoi leggere “L’INIZIO”.

Lascia un commento