COME FARSI VALERE

(avviso per chi visualizza il mio blog tramite smartphone: se si attiva in automatico  un sottofondo musicale, ad un certo punto,  scorrendo la pagina di ogni articolo verso il basso per la sua lettura, è probabile che si sovrapponga il sottofondo musicale dell’articolo successivo. Ricorda che puoi disattivare ogni sottofondo musicale tramite il pulsante “play/pause” in alto a destra. Tale inconveniente è assente nella visualizzazione del blog tramite PC)

 

Oggi voglio condividere con te i miei primi passi nel tentativo di acquisire/migliorare una capacità della quale ammetto di essere decisamente carente: COME FARSI VALERE.

Ci sono diversi modi di intendere questa capacità. C’è chi si fa valere con la prepotenza, chi lo fa in modo “astuto” oppure chi ci riesce “diplomaticamente”, infine c’è chi troppo spesso non riesce a farsi valere.

Probabilmente la capacità di farsi valere diplomaticamente è quella che più può essere assimilata ad un comportamento di cui voglio cominciare ad occuparmi: l’ASSERTIVITA’.

 

Inizio subito con il condividere con te alcuni principi teorici che ho tratto, principalmente da Wikipedia e dal sito www.iltuopsicologo.it

 

Il comportamento assertivo è quel comportamento attraverso il quale si affermano i propri punti di vista, senza prevaricare né essere prevaricati.

Secondo gli psicologi statunitensi Alberti ed Emmons, si definisce come «un comportamento che permette a una persona di agire nel suo pieno interesse, di difendere il suo punto di vista senza ansia esagerata, di esprimere con sincerità e disinvoltura i propri sentimenti e di difendere i suoi diritti senza ignorare quelli altrui».

L’obiettivo principale per una comunicazione assertiva è la capacità di ridurre le proprie componenti aggressive e passive. Per riuscire in ciò è necessario porre ordine nella propria vita, pensando a se stesso con maggiore consapevolezza ed interagendo costruttivamente con le altre persone.

Come puoi notare la “consapevolezza” torna ad essere un elemento importante anche per questo tema (già altre volte ti ho detto che, in questo blog, tutto è legato da un FILO CONDUTTORE).

I presupposti essenziali dell’assertività sono l’autostima, la capacità di comunicazione autentica e franca associata ad adeguati aspetti anche non verbali della stessa comunicazione, la capacità di ascoltol’empatia.

i principali elementi costitutivi dell’assertività sono i diritti assertivi e la forma di assertività.

Oggi posso solo accennare il fatto che i diritti assertivi comprendono il rispetto di se stessi, delle proprie esigenze, sentimenti e convinzioni. Riconoscerli e rispettarli significa anche riconoscerli e rispettarli negli altri.

Trovo estremamente interessante (oltre che molto utile per provare a “migliorarmi”) approfondire ulteriormente il tema dell’assertività.

Cercherò di condividere con te questo cammino prossimamente.

 

Se vuoi, lascia pure un commento (giù in basso c’è un apposito spazio) e se lo ritieni opportuno fai conoscere questo blog ad altre persone. Ad esempio puoi inviare il link per il blog Hope ad almeno tre tuoi amici, tramite una mail, oppure inserendolo in qualche piattaforma “social” (tipo Facebook o WhatsApp). Sarà bello condividere le nostre idee.

Ciao; alla prossima.

 

Considerato che, come tutti i blog, anche il mio è un “diario in rete”, i testi sono presenti sulla pagina web in ordine anticronologico (visualizzi prima i messaggi più recenti). Pertanto se vuoi sapere perchè esiste questo blog e conoscere la sua origine puoi leggere “L’INIZIO”.

Lascia un commento